Pearson

Imparare sempre

Fonzie Foto: Wikimedia Commons

espresso # /

Anche Fonzie lotta contro la dislessia

di Davide Coero Borga

18 luglio 2013

Mitico Fonzie! Cinque modelli del famigerato “chiodo” custoditi in cassaforte dalla produzione della serie TV a causa dei ripetuti furti sul set. Dieci anni passati a dire «hey!». Cinquantamila lettere alla settimana dai fan di tutto il mondo. Arthur Fonzarelli, il meccanico italo-americano che faceva innamorare le ragazze di Happy Days con uno sguardo e accendeva il juke box di Arnold’s con un pugno ben assestato, nella realtà aveva grossi problemi a scuola. Da piccolo Henry Winkler andava male in inglese, in dettato, in storia, in matematica. «Mi riusciva bene solo la pausa pranzo» ha raccontato «Eppure ho capito che ognuno ha dentro di sé un dono: sta a noi capire quale sia, per poi regalarlo al resto del mondo».

Winkler ha scoperto la sua dislessia per caso, passati i trent’anni, quando, diventato padre, ha accompagnato il figlio a fare un test di apprendimento, scoprendo di condividere con lui gli stessi problemi di studio. Forse per questo motivo quando si è tuffato nella narrativa per ragazzi, un’avventura letteraria divisa con l’amica Lin Oliver, ha scelto di raccontare la storia di un ragazzino dislessico: Hank Zipzer. Hank è il protagonista di divertenti vicende e numerosi imprevisti, che affronta con la volontà di non sentirsi stupido per una condizione che si può risolvere. «Oggi quei libri, oltre ai miei tre figli, sono la cosa che mi rende più orgoglioso», dichiara Winkler.

Il Salone del libro di Torino è stata l’occasione per presentare il suo ultimo lavoro, Hank Zipzer e le cascate del Niagara, e mostrare al pubblico un progetto di Area Onlus e Fondazione Vodafone: il DSA Board.

DSA Board è una piattaforma web, accessibile da PC e tablet, pensata per bambini e ragazzi (9-13 anni) con Disturbo Specifico dell’Apprendimento. È uno strumento sofisticato per insegnanti e curanti. La piattaforma, oltre a riunire strumenti compensativi e utili a facilitare lo studio del bambino, consente agli operatori di monitorare in diretta (anche online) i progressi nel processo di apprendimento. Proprio per la sua natura di piattaforma, DSABoard è concepita per accogliere progressivamente nuovi contenuti e strumenti. Per il momento sono previste tre interfacce verso l’utente: una destinata ai bambini che frequentano la scuola primaria, una per i ragazzi della scuola secondaria inferiore e una per gli operatori. Gli operatori hanno a disposizione un’ulteriore piattaforma grazie alla quale è possibile preparare anche percorsi riabilitativi.

Per approfondire: guarda l’intervista ad Henry Winkler, che racconta il suo impegno per la dislessia.


COMMENTI / 2