Pearson

Imparare sempre

espresso # /

Cronaca di una lezione con la LIM

di micric

11 maggio 2012

Una lezione con la LIM raccontata da un docente di inglese, tra imprevisti tecnici, entusiasmo dei ragazzi e la corsa contro il tempo per fare tutto entro l'ora prevista dal quadro orario scolastico.

Non puoi farmi questo! Ti prego… Vai… Vai….!

Una sottile angoscia accompagna il lento (lentissimo…) materializzarsi del grande desktop sulla lavagna, mentre aumento e taglio i centimetri di tapparella per coprire il riflesso accecante del sole del primo mattino… Eppure ho fatto tutto come sempre: il pulsantino sul lato della lavagna l’ho acceso (è diventato verde, OK!) Il PC è partito…. Il proiettore sibila come un cobra, ma mi occhieggia amichevolmente con il suo laser verde e blu…. Finalmente lo schermo si colora, materializzandosi nell’ultimo screen dei ragazzi… E’ partita! (Thanks God…).

Fra un po’ saliranno da fisica e voglio farmi trovar pronto con la mia flip su Gandhi: ci ho lavorato qualche oretta, cercando i video in lingua inglese su youtube, copiando le immagini più suggestive, usando il cattura schermo, preparando attività di matching e linkando qualche pensiero significativo di questo grande uomo… Ho calcolato i tempi: dovrei starci in un’oretta, forse c’è spazio anche per una piccola conversation in lingua…

Eccoli, stanno entrando con la solita, misurata calma anglosassone, prendendo posto tranquillamente, senza sbattere le sedie, senza spintoni, senza parolacce, senza la bottiglietta sulle labbra, senza sbuffare, senza lo sguardo inebetito sulla faccia a pieno schermo del Mahatma… Chi è prof quello che ci diceva l’altra volta che non reagiva neanche se gli davi uno schiaffo o lo menavi?…

Già, proprio lui… Vieni su e clicca sulla sua faccia….

Parte il video del film di Richard Attenborough del 1982 con Ben Kingsley: siamo in Sud Africa e il giovane Gandhi viene buttato fuori dal treno perché indiano…

Lentamente il rumore di sottofondo lascia posto ad un silenzio “partecipato”… Blocco il video sui sottotitoli più interessanti e faccio domande sui tempi verbali, sui pronomi relativi, su quel plurale irregolare, sul modo in cui l’attore pronuncia courage…Riparte il video… Concludo il video… Altra pagina…

Come and match these sentences with the right pictures…Francesca è brava, prende la penna e completa l’attività in pochi minuti… Vuole provare anche Civi (!!) tra l’ilarità generale (Civi, sta tra il 4/5 in inglese, quando va bene…). Deve riordinare una sequenza di azioni: con grande sorpresa ne prende 4 su 7 (…’na botta di…prof!). Forse sì, ma la sua faccia orgogliosa mentre va a posto mi dice che ha vinto la paura del “grande schermo” e che forse tornerà a provare…

La campanella ci sorprende mentre tentiamo (in 8!) di bloccare l’aggiornamento dell’antivirus, con la collega di scienze che mi guarda perplessa…

by micric

Raccontaci la tua esperienza, con parole, immagini e suoni per la rubrica Tam tam: impararesempre@pearson.it

COMMENTI / 2

  • Rita

    Il bello è che…è proprio così!!! Anche per me….hai saltato la parte dell’improvviso disconoscimento tra pc e lim????? quando hai preparato tutto per bene e succede qualcosa per cui…proprio oggi non va e nessuno riesce a risolvere il problema!!!

  • Luciana

    Succede anche a me: molte ore per preparare una lezione che si traduce in un’ora sì e no…
    Però, che soddisfazione quando vedi che almeno 1 su 25 è stato “toccato” dal tuo impegno e dal tuo operare. E’ così che lavoriamo: stress, urlacci, poco riconoscimento ma tanta volontà nel fare le cose in cui si crede… Non so se stiamo diventando più europei o più africani… Mi basterebbe solo che venissimo trattati come i nostri colleghi tedeschi o britannici (forse la motivazione di una categoria così “demotivata” potrebbe risvegliarsi ed accogliere le novità in campo didattico/tecnologico con più entusiasmo).