Pearson

Imparare sempre

popsophia

espresso # /

Invito nel Giardino della scienza

10 luglio 2012

Matematica, fisica e filosofia si intrecciano nella rassegna il “Giardino della scienza” curata dal matematico Giorgio Bolondi e realizzata in collaborazione con Pearson Italia, sponsor e partner scientifico del progetto. Gli eventi in programma, tutti ad ingresso gratuito, sono numerosi e per tutte le età: incontri e mostre di arte e scienza, laboratori, giochi intelligenti, dibattiti e conferenze, spettacoli di scienza e magia.

L’appuntamento è dal 14 al 29 luglio a Civitanove Marche, nell’ambito di Popsophia 2012, il Festival del Contemporaneo (www.popsophia.it).

Nel Giardino sarà possibile visitare due mostre: “Le figure impossibili” con alcune delle opere maggiori dell’artista svedese Oskar Reutersvaard, e “Sangaku”, un percorso inedito attraverso la matematica giapponese e la sua singolare capacità di intrecciare affinità con il mondo dell’arte. Grazie alla collaborazione con l’Alexander Museum di Pesaro, sarà disponibile un allestimento mobile per apprezzare la mutante identità di Cubo Tribarra, dell’artista e scienziato Guido Moretti: figura esemplare, figura impossibile, intrico di elementi.

Numerosi gli eventi dedicati all’interazione tra scienziati e pubblico: “Per un pugno di numeri”, una sfida con giochi matematici; “Elevamento a potenza” un laboratorio per esplorare i processi della mente con un mentalista e un matematico; “La scienza ti parla senza supponenza”, un ciclo di incontri attivo per tutta la durata del festival.

Ogni sabato e domenica un incontro con gli ospiti del caffè scientifico:

  • 14 luglio, “Geometria del Viaggio” con il manager e giornalista Piero Valdiserra, un percorso nelle implicazioni fisiche, concettuali ed emozionali del camminare;
  • 15 luglio, il fisico e scultore Guido Moretti introduce al mondo delle cubosfere, ai quarchi e piramidi di sfere, oggetti che, nati dalla freddezza delle curve matematiche, generano figure vibranti delle quali non si intravedono l’inizio e la fine;
  • 21 luglio, “Recondite geometrie”, con il ricercatore Alessandro Gambini, per scoprire le proprietà sorprendenti di un nuovo studio della spazialità;
  • 22 luglio, il chimico e vicepresidente dell’associazione culturale AlphaGemin Claudio Bernacchia calcherà le terre fredde dell’Antartide raccontando la straordinaria avventura dell’esploratore Robert Scott, a ben cent’anni dalla sua tragica impresa;
  • 28 luglio, lo storico della matematica Angelo Guerraggio racconta i 150 anni della storia italiana in “Un popolo di poeti, santi, navigatori e scienziati.”
  • 29 luglio, torna Claudio Bernacchia, questa volta impegnato nel racconto della spedizione su Marte, ultima frontiera di esplorazione firmata dalla Nasa.

Inoltre, il “Teatro dell’Ipnosi” in cui un ipnotista, una regista e un team di attori si mettono a disposizione del pubblico, protagonista di uno spettacolo tra il teatro e l’incanto dell’ipnosi, e “Lo Stupefacente Sicorace”, uno dei primi allievi dell’ipnotista Anthony Jacquin, che porrà invece l’interrogativo alla base della propria ricerca: è possibile leggere nel pensiero? Si può influenzare a livelli profondi il comportamento umano?

E per finire, la notte si fa piccola con il “Tirar tardi con la scienza”, le osservazioni del cielo in collaborazione con Alphagemini, nel post-serale del Giardino.

«In un festival che indaga la popfilosofia in tutte le sue forme – ha commentato il Professor Giorgio Bolondi, curatore della rassegna – non può mancare una sezione dedicata al pensiero scientifico: il Giardino della Scienza vuole essere un luogo dove i visitatori di Popsophia si mettono in gioco, incontrano provocazioni, perdono il rispetto sacrale che è cresciuto in molti fin dagli anni della scuola. Il fil rouge che unisce queste proposte è la curiosità e la voglia di scoprire in prima persona; il tutto con rigore ma in modo lieve, come si addice a un festival estivo».

L’evento continua online nella pagina Facebook di Popsophia, per porre le domande, i dubbi, le osservazioni e le curiosità nate durante la rassegna.

 

COMMENTI / 2

INVIA IL TUO COMMENTO

 

Prima di pubblicare un commento, assicurati che sia pertinente alla discussione in corso, non abbia contenuto offensivo, calunnioso, diffamante, razzista, sessista e non violi le leggi italiane. La redazione si riserva il diritto di cancellare commenti non consoni con controlli a campione.