Pearson

Imparare sempre

espresso # /

La LIM aiuta nelle situazioni difficili

di Stefano Glenzer

9 maggio 2013

La lavagna interattiva multimediale può fare molte cose. Anche diventare un nuovo supporto per coinvolgere durante le lezioni ragazzi affetti da disturbi specifici di apprendimento (DSA) e studenti stranieri, insomma gli alunni di una classe che hanno esigenze particolari. Secondo la maggior parte degli insegnanti che l’hanno utilizzata e che hanno partecipato all’indagine svolta da Gfk-Eurisko per Pearson, la LIM incentiva la partecipazione e l’iniziativa dei ragazzi grazie al suo carattere polivalente.

Per gli insegnanti la LIM, nel venire incontro alle esigenze di ragazzi affetti da DSA, si merita un bel 7,8 in pagella e alla voce coinvolgimento dei ragazzi stranieri vede un 7,3, mentre per la capacità di facilitare la gestione dei casi problematici si scende a 6,7 (in media gli studenti stranieri sono otto per classe ma con picchi che superano anche i 15 e a questi vanno aggiunti i ragazzi affetti da DSA, che sono in media tre per classe).

La sua natura interattiva consente di semplificare i concetti da comunicare agli studenti e di integrarli attraverso disegni, grafici e animazioni. Sempre questa qualità può essere sfruttata per diversificare gli stili di apprendimento e quindi soddisfare esigenze particolari senza cambiare l’impostazione generale delle lezioni.

Altra caratteristica importante della LIM è il suo forte potenziale cognitivo e formativo che dà luogo a nuovi processi, come sottolineano ancora i professori: con questo strumento è possibile attivare reazioni anche sul piano emotivo degli alunni e sembra anche che migliori la loro capacità di fare collegamenti e le loro qualità espositive. Se si guarda alle aree disciplinari, i docenti scientifici sono i meno soddisfatti: giudicano molto o abbastanza positiva l’attività didattica con la LIM nell’85% dei casi, che è un dato incoraggiante, ma più basso rispetto a chi insegna materie applicate (93%) o umanistiche (92%). Il 97% degli insegnanti intervistati non tornerebbe al metodo di insegnamento tradizionale.

COMMENTI / 309

INVIA IL TUO COMMENTO

 

Prima di pubblicare un commento, assicurati che sia pertinente alla discussione in corso, non abbia contenuto offensivo, calunnioso, diffamante, razzista, sessista e non violi le leggi italiane. La redazione si riserva il diritto di cancellare commenti non consoni con controlli a campione.