Pearson

Imparare sempre

Twitter

magazine # /

Twitter. Cinguettii nella rete

di Marika De Acetis

21 marzo 2012

Twitter nasce in California nel 2006, da un progetto di Jack Dorsey e Biz Stone. Alla base, la possibilità di condividere brevi messaggi di testo tra più persone e con diversi sistemi di comunicazione.

Il sistema doveva essere semplice, adatto all’utilizzo in emergenza. In effetti, l’idea nasceva anche per facilitare la comunicazione durante le operazioni di soccorso tra le ambulanze. Inizialmente erano previste solo tre funzioni: l’invio di messaggi della lunghezza massima di 140 caratteri, la possibilità per ogni utente di leggere in un’unica pagina e in ordine cronologico i messaggi delle altre persone, la facilità di consultazione mediante cellulare e Internet.

Successivamente sono state aggiunte alcune nuove funzionalità, come la possibilità di inserire delle immagini e di segnalare le parole chiave con il simbolo del cancelletto (#), per rendere i messaggi facilmente reperibili. La facilità d’uso di questo sistema è la chiave del suo successo: in meno di cinque anni ha raggiunto centinaia di milioni di persone in tutte le parti del mondo, oltre 1,3 milioni solo in Italia, diventando uno dei mezzi di maggior rilievo nella comunicazione durante le rivoluzioni del mondo arabo, del movimento di Occupy Wall Street e degli Indignados (v. approfondimento “Le rivoluzioni di Twitter”, “Le parole di Twitter”  e “La nascita di Twitter” in fondo all’articolo).

Inoltre, è uno dei sistemi più utilizzati per condividere impressioni in diretta su eventi e sta acquisendo anche un ruolo importante nella didattica e nella comunicazione tra scuola e famiglia.

L’EFFETTO “MACCHINETTA DEL CAFFÈ”

Uno degli effetti più noti di Twitter è quello definito “macchinetta del caffè”: il commento e la condivisione in diretta di pareri durante una trasmissione televisiva, un concerto, un evento sportivo. È sufficiente collegarsi a Twitter una sera in cui c’è una trasmissione o un film di un certo rilievo per verificare l’impatto del fenomeno, ormai ben consolidato anche in Italia, al punto tale che alcune trasmissioni fanno persino scorrere i tweet in sovraimpressione.

Per capirne la portata, vediamo qualche numero: il 17 luglio 2011 durante la finale dei Campionati mondiali femminili di calcio tra il Giappone e gli Stati Uniti sono stati inviati 7.196 tweet per secondo, mentre il 25 giugno 2009 in seguito alla morte di Michael Jackson erano stati inviati oltre 100.000 tweet all’ora, un flusso di informazioni tale da bloccare i server di Twitter.


TWITTER ENTRA NELLE SCUOLE

Nel 2010, gli studenti di una scuola primaria di Dunkerque, nel nord della Francia, partono alla scoperta di una grande città, Parigi, in una gita che non fa dormire sonni tranquilli ai genitori. Gli insegnanti decidono di provare a creare un contatto diretto con le famiglie mediante Twitter: i piccoli studenti inviano dei tweet che raccontano dove si trovano e cosa stanno guardando.

Il tutto avviene su un profilo privato, condiviso solo dalle maestre e dai familiari dei bambini. In questo modo, i docenti raggiungono due obiettivi: rasserenano (almeno in parte!) le mamme e i papà e mantengono vivi l’attenzione e l’interesse degli studenti sulla visita, esercitandoli nelle capacità di narrazione e scrittura.

SCUOLA CHIAMA MONDO

Nel dicembre del 2009 viene rinvenuto uno scheletro di un animale ignoto nella scuola SJEDS di Jacksonville, in Florida, dove insegna Silvia Tolisano, docente responsabile dell’introduzione delle nuove tecnologie nella didattica. Silvia Tolisano decide di identificare con i propri studenti la specie a cui appartengono i resti.

Invece di utilizzare dei manuali di identificazione, inviano un tweet nella rete con le foto dello scheletro e una richiesta di aiuto per l’identificazione. Nelle tre ore successive, il tweet viene propagato nella rete attraverso i retweet e gli studenti ricevono oltre 50 indicazioni, che li portano a concludere che, con molta probabilità, si tratta di un procione.

Come Silvia, molti altri docenti utilizzano Twitter per insegnare agli studenti come ottenere e analizzare informazioni dal mondo reale, inviando dei tweet con domande su argomenti di varia natura, come, per esempio, dati geografici, informazioni scientifiche, fatti legati alla storia locale.

LA STORIA IN DIRETTA

Alwyn Collinson, uno studente di Oxford, sta portando avanti un progetto di ricerca molto ambizioso: raccontare mediante tweet in tempo reale gli eventi chiave della seconda guerra mondiale. Ha aperto un profilo chiamato @RealTimeWWII e inviato il primo tweet il 31 agosto, il giorno precedente quello in cui nel 1939 la Ger mania invase la Polonia.

Il progetto durerà sei anni, e ogni giorno, saranno inviati messaggi con informazioni, fotografie, testimonianze per rendere la sensazione della cronaca più reale agli oltre 100.000 follower che leggono gli aggiornamenti.

CINQUE MODI PER USARE TWITTER NELLA DIDATTICA

1. Trovare informazioni

Per trovare informazioni utili con Twitter si possono seguire diverse strade. È possibile interrogare la rete, come fatto da Silvia Tolisano e i suoi studenti, oppure utilizzare semplicemente il motore di ricerca di Twitter, che risulta molto efficace se si fanno ricerche per parole chiave.

Un altro sistema è quello di selezionare le fonti in modo accurato, individuando gli utenti e le istituzioni da seguire in base al tipo di informazioni con cui aggiornano il proprio profilo. Per esempio, se l’interesse è l’astronomia e la ricerca nello spazio, potrebbe essere utile seguire @NASA_ Astronauts, il profilo che gli astronauti della Nasa utilizzano per inviare informazioni aggiornate direttamente dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Individuare le fonti è forse l’attività più faticosa e impegnativa su Twitter, a causa della miriade di informazioni che vi circolano. Due scorciatoie: partire da enti che già si conoscono e utilizzare le parole chiave per individuare utenti che inviano messaggi di nostro interesse.

2. Streaming di eventi e commento in diretta

L’effetto “macchinetta del caffè” può essere utilizzato efficacemente anche nella didattica, stimolando gli studenti a fare la telecronaca in diretta di un evento con il solo utilizzo dei tweet (per esempio i campionati scolastici, la recita di fine anno, il reportage in diretta di una gita scolastica).

Oppure, invitarli a scambiarsi opinioni e commenti su un evento particolare, per esempio la trasmissione di un film a sfondo storico, la visione di un documentario o una trasmissione di approfondimento. In questo modo anche la televisione può diventare un mezzo fruito attivamente.

3. Creare una lista di letture e segnalazioni

Twitter è un ottimo blocco di appunti, per segnalare link, libri, film, eventi di interesse nella didattica e che possono essere condivisi con gli studenti.

4. Narrazione

Diversi esperimenti indicano che Twitter può essere utilizzato efficacemente anche per stimolare le competenze nella narrazione, provando a scrivere una storia o a raccontare un evento in modo collettivo, in cui ciascun studente a turno aggiunge un tassello.

5. Simulare situazioni storiche o contemporanee

Invitare gli studenti a riflettere e approfondire argomenti storici o contemporanei creando dei profili su Twitter in cui ciascuno di essi impersona un personaggio storico e letterario.

Alcuni esempi: inventare la cronaca in diretta di una battaglia famosa, provare a immaginare un dialogo tra due filosofi o che cosa avrebbero scritto alcuni personaggi famosi, reali o letterari, se avessero avuto Twitter a disposizione.

TWITTER PER FAR CRESCERE LA SCUOLA

Alcune scuole hanno iniziato a utilizzare Twitter come canale per aggiornare le famiglie sulle attività scolastiche, come riunioni, eventi, cambi del personale e persino le assenze degli studenti.

Il sistema è efficace perché facile da gestire e i genitori che lo desiderano possono mantenersi aggiornati ricevendo le notifiche direttamente sul cellulare. Twitter può essere utilizzato anche come canale di comunicazione verso l’esterno delle attività della scuola: annunci e cronaca di eventi organizzati nella scuola, segnalazioni di nuovi materiali messi a disposizione (foto, articoli, materiali prodotti dai docenti, libri) e di articoli che riguardano la scuola, aggiornamenti sul calendario degli appuntamenti e delle gite scolastiche.

Inoltre, Twitter permette di creare dei network privati e uno degli utilizzi che viene fatto è proprio quello di creare delle reti di apprendimento tra insegnanti di diverse scuole per condividere esperienze e informazioni.

I tweet nel mondo: ogni colore una lingua diversa. Dati estratti dai tweet inviati tra il 14 maggio e il 14 ottobre 2011. Foto: © Eric Fischer

I tweet nel mondo: ogni colore una lingua diversa. Dati estratti dai tweet inviati tra il 14 maggio e il 14 ottobre 2011. Foto: © Eric Fischer

Approfondimenti
Le parole di Twitter

Il simbolo più importante di Twitter è l’etichetta o hashtag (#), che viene premesso alle parole chiave per facilitare la ricerca, raggruppare i messaggi e creare la statistica delle tendenze.

Esisono altri termini che è utile conoscere prima di iniziare a usare Twitter:

  • RT (retweet): la citazione di un messaggio di un altro utente.
  • DM (direct message): messaggio privato inviato a un utente.
  • Tendenze: elenco degli argomenti di discussione più popolari.
  • Seguire: il verbo seguire su Twitter indica essere iscritti al profilo di un determinato utente per essere aggiornati in tempo reale sui tweet che invia.
  • Cronologia: elenco dei tweet nella homepage, con i messaggi più recenti in cima.
  • Utenti verificati: utenti (generalmente personaggi famosi o enti) la cui identità è certificata, identificati da un simbolo azzurro.
  • #FF: acronimo di “Follow Friday”, seguito da uno o più nomi di utenti indica il suggerimento a iscriversi al loro profilo. E’ una “tradizione” che si verifica ogni venerdì e a cui partecipano numerosi utenti.
  • Storify: è un servizio associato a Twitter che permette di raccogliere i tweet, immagini e video relativi a un evento specifico. “Storify” perché attraverso il susseguirsi di messaggi e contenuti multimediali si trasforma in narrazione le informazioni relative a un evento. 
  • Short URL: indica un indirizzo web abbreviato (servizio in automatico fornito da Twitter) per poter inserire link lunghi all’interno del messaggio di 140 caratteri.
  • Geolocalizzazione: indica l’associazione del tweet alla posizione geografica da cui è inviato, è una funzione facoltativa che può o meno essere attivata.
 

Le rivoluzioni di Twitter

In rete sono chiamate le rivoluzioni di Twitter, perché attraverso questo mezzo abbiamo potuto conoscere in tempo reale quanto stava accadendo: i movimenti di protesta in Tunisia, la rivoluzione in Egitto, quella in Libia, l’occupazione di Wall Street e le manifestazioni degli Indignados.

Egitto, #Jan25 #Egypt

Il 25 gennaio 2011 inizia la primavera araba, in Egitto. Il 26 gennaio Wael Ghonim, attivista online, invia un messaggio al mondo tramite Twitter «Ho detto un anno fa che Internet avrebbe cambiato lo scenario politico in Egitto e alcuni amici mi hanno preso in giro». Il giorno dopo scompare dalla rete, è mistero fino ai primi di febbraio, quando si scopre che è stato incarcerato e la notizia crea una vera e propria cascata di messaggi online. Il governo decide di bloccare Twitter e in seguito anche gli sms e Internet, ma è troppo tardi, gli attivisti si sono già organizzati, hanno inviato attraverso il web foto, documentazioni, notizie degli eventi, sollevando l’indignazione e coinvolgendo un numero sempre maggiore di persone. A inizio febbraio Ghonim viene liberato. L’11 febbraio Hosni Mubarak è costretto a dimettersi e l’Egitto avvia il proprio percorso verso la democrazia. È possibile ripercorrere tutte le tappe di questa rivoluzione ricercando in Twitter il termine #Jan25, il giorno in cui tutto ha avuto inizio.

Tunisia, #SidiBouzid

Twitter ha svolto un ruolo molto importante anche nei movimenti di protesta in Tunisia. Mohamed Bouazizi, un laureato di 26 anni di Sidi Bouzid, il 17 dicembre 2010 si è dato fuoco per protesta contro la requisizione della merce del suo negozio di verdure da parte della polizia. Questo atto ha scatenato le proteste in Tunisia fino a costringere il presidente Ben Ali solo dieci giorni dopo, il 14 gennaio 2011, a lasciare il Paese. Il nome di Bouazizi è rimbalzato di tweet in tweet per tutto il mondo arabo, diventando una delle parole chiave della rivoluzione, simbolo di un disagio sociale giunto a un limite non più sostenibile.

Libia, #Feb17 #Lybia

La rivoluzione in Libia è iniziata il 17 febbraio 2011. Pochi giorni dopo il governo ha bloccato Internet, sperando di impedire la formazione di gruppi di azione mediante i social network, come successo in Tunisia e in Egitto. Twitter è stato il primo mezzo attraverso cui sono circolate le foto del dittatore morto, mentre la fine della guerra è stata annunciata dall’ammiraglio James Staydiris con un messaggio su Facebook.

Il mondo occidentale, #OccupyWallStreet #OWS #15O

Il mondo occidentale è percorso dai movimenti sociali che partono dal basso, per rivendicare una società più equa. La manifestazione più nota è Occupy Wall Street, un movimento di protesta contro il potere delle banche e non contro i governi. Iniziata il 17 settembre con la marcia verso Zuccotti Park, a Manhattan, si è espansa in tutti gli Stati Uniti. Un movimento analogo parte in Spagna, con gli Indignados. Questa febbre di protesta si allarga rapidamente e il 15 ottobre viene indetta una giornata mondiale di dissenso (#15O), che coinvolge tutta l’Europa, gli Stati Uniti, l’Australia e il Giappone: oltre 82 Stati e circa 1.000 città.

La manifestazione Occupy Portland che ha coinvolto oltre 10.000 persone il 6 ottobre 2011. Nel cartello lo slogan "Io sono il 99% della popolazione". Foto: © andipantz

La manifestazione Occupy Portland che ha coinvolto oltre 10.000 persone il 6 ottobre 2011. Nel cartello lo slogan “Io sono il 99% della popolazione”. Foto: © andipantz

Jack Dorsey e la nascita di Twitter

Jack Dorsey (@Jack), il co-fondatore di Twitter, nasce il 19 novembre del 1976 a St. Louis, nel Missouri. Le sue prime attività in campo informatico sono relative a software per la gestione della logistica.

Era affascinato dall’idea di poter coordinare e rendere più efficienti gli spostamenti, per esempio per quanto riguarda la comunicazione medica di emergenza. Iniziò a maturare l’idea che sarebbe stato utile avere un sistema di invio di messaggi di testo condivisibili da più persone.

Nel 2000 si unisce quindi a una società che si occupa proprio di questo tipo di attività (in particolare di podcasting), la Odeo, dove incontra Biz Stone e insieme costruiscono il prototipo di Twitter e, grazie agli investimenti di Evan William, che aveva appena lasciato Google, fondano a San Francisco la Twitter Inc. I primi tweet sono inviati nel marzo del 2006 a uso interno; il lancio al pubblico avviene il 15 luglio dello stesso anno.

Per approfondire
  • Twitter stories: una selezione operata dallo staff di Twitter di storie ed episodi interessanti che si sono verificati in seguito all’invio di tweet.
  • Year in hashtag: mese per mese, un approfondimento con citazioni, foto e video di alcuni degli argomenti più dibattuti su Twitter in Italia e nel mondo.
  • Twitter poster: mosaico con le foto degli utenti Twitter più seguiti in una determinata nazione. La dimensione dell’immagine riflette il numero di utenti che li seguono.
  • Twitaholic: elenco degli utenti più seguiti di Twitter.
  • Twitterfall: per visionare i tweet in tempo reale che contengono una determinata parola chiave, inviati da una specifica area geografica.
  • Trendsmap: mostra le tendenze nella città selezionata.
  • Twittervision: mappa che mostra in tempo reale l’intensità dei tweet inviati nel mondo.
  • Il sito Lang Witches: il sito di Silvia Tolisano, con i dettagli sull’esperimento di identificazione dello scheletro di procione con i suoi studenti e molti altri spunti didattici con le nuove tecnologie.
Mappa che visualizza l’intensità dei tweet inviati. L’Italia e l’Europa in generale appaiono molto attivi (fonte Twittervision).

Mappa che visualizza l’intensità dei tweet inviati. L’Italia e l’Europa in generale appaiono molto attivi (fonte Twittervision).

COMMENTI / 26

  • aspewteorps

    [url=http://atenolol.site/]atenolol medicine[/url] [url=http://atenolol.link/]cost of atenolol[/url] [url=http://buy-robaxin.science/]buy robaxin[/url] [url=http://buy-indocin.top/]indocin[/url]

  • PeterElize

    [url=http://benicar-hct.gdn/]benicar[/url] [url=http://metforminhydrochloride.click/]metformin hydrochloride[/url] [url=http://tadalafil-20mg.us/]20 mg tadalafil[/url] [url=http://phenergan-dm.cricket/]phenergan[/url] [url=http://abilifycost.in.net/]abilify price[/url] [url=http://trazodone8.us/]trazodone[/url]

  • EugeneBot

    [url=http://atenolol365.us.com/]atenolol[/url] [url=http://viagra-pills.bid/]viagra[/url] [url=http://chlomid.us/]buy clomid no prescription[/url] [url=http://cardizem.us/]cardizem[/url]

  • Kennethhah

    wh0cd308543 [url=http://tetracyclineonline.gdn/]tetracycline[/url] [url=http://buyavodart911.top/]avodart[/url] [url=http://buytorsemide.site/]torsemide diuretic[/url] [url=http://diflucan-over-the-counter.cricket/]diflucan[/url] [url=http://cleocin-gel.gdn/]cleocin gel for acne[/url]

  • Alfredmaify

    wh0cd308543 [url=http://cephalexinonline.date/]cephalexin[/url] [url=http://zoloftgeneric.link/]zoloft generic price[/url] [url=http://buypropranolol.gdn/]buy propranolol for anxiety[/url] [url=http://silagra.webcam/]silagra[/url] [url=http://buy-celexa.pro/]buy celexa[/url] [url=http://fluoxetine365.top/]buy cheap fluoxetine[/url]

  • MichaelSwemn

    wh0cd369883 [url=http://nexiummedication.review/]nexium medication[/url] [url=http://buyanafranil.webcam/]anafranil anxiety[/url] [url=http://buytriamterene.gdn/]triamterene 37.5 mg[/url] [url=http://cephalexin500.review/]cephalexin 500 mg capsule[/url] [url=http://valtrex.us/]valtrex[/url] [url=http://advairgeneric.club/]advair no prescription[/url] [url=http://wellbutrinxl.us/]wellbutrin[/url] [url=http://buyatarax3.top/]atarax syrup[/url] [url=http://canadianviagra.pro/]viagra[/url] [url=http://diclofenac2010.us/]diclofenac 75mg[/url]

  • TracyLet

    wh0cd964923

  • Alfredmaify

    wh0cd304587 [url=http://cephalexinonline.pro/]generic cephalexin online[/url] [url=http://inderal.lol/]inderal[/url] [url=http://lisinoprilgeneric.review/]lisinopril 10 mg[/url] [url=http://buyrevia.webcam/]revia cost[/url] [url=http://buyavana.party/]buy avana[/url] [url=http://augmentinonline.site/]augmentin online[/url] [url=http://lisinoprilhctz.site/]lisinopril 10mg tablets[/url] [url=http://revia2.top/]revia drug[/url] [url=http://prednisoloneacetate.review/]prednisolone[/url] [url=http://buyavodart2015.top/]generic avodart 0.5 mg[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd790539 [url=http://diclofenac-gel.science/]diclofenac gel[/url] [url=http://orlistat.pro/]orlistat[/url] [url=http://cipro-500-mg.us/]cipro[/url] [url=http://cephalexin500.date/]cephalexin 500 mg capsules[/url]

  • AaronJog

    wh0cd575659 [url=http://buyatarax-3.top/]atarax[/url] [url=http://baclofen-10mg.in.net/]baclofen[/url] [url=http://ventolin75.us/]ventolin hfa inhaler[/url] [url=http://clindamycinhcl.site/]clindamycin hcl[/url] [url=http://avana.gdn/]avana[/url] [url=http://tetracyclinecost.site/]tetracycline pill[/url] [url=http://effexor.fashion/]effexor[/url] [url=http://metformin-online.in.net/]metformin no prescription[/url] [url=http://trazodone50mg.us/]trazodone[/url] [url=http://celexa.christmas/]celexa pill[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd669051 [url=http://avodart2017.us.com/]Avodart Online[/url] [url=http://aciclovir.click/]generic acyclovir[/url] [url=http://robaxin.us.com/]robaxin[/url]

  • BennyMeefe

    wh0cd170699 [url=http://tadalafil.us.com/]Tadalafil[/url]

  • Alfredmaify

    wh0cd332683 [url=http://albuterol365.us.com/]Albuterol Inhaler[/url]

  • MichaelSwemn

    wh0cd980619 [url=http://eloconcreamforsale.in.net/]elocon cream for sale[/url] [url=http://hydrochlorothiazide50.top/]hydrochlorothiazide[/url] [url=http://buyadvair8.us/]buy advair[/url] [url=http://torsemideonline.review/]torsemide tablets[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd629351 [url=http://buyrobaxin.us.com/]buy robaxin[/url] [url=http://buy-arimidex.com/]ARIMIDEX PRICE[/url] [url=http://hyzaar.us.com/]hyzaar[/url]

  • BennyMeefe

    wh0cd262490 [url=http://bupropion2017.us.com/]cheap bupropion[/url] [url=http://buy-cymbalta.com/]buy cymbalta[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd519596 [url=http://antabusemedication.us.com/]antabuse medication[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd165787 [url=http://nolvadex365.us.com/]tamoxifen citrate[/url]

  • Alfredmaify

    wh0cd229493 [url=http://buysildalis2012.us/]generic sildalis[/url] [url=http://advaironline.review/]advair online[/url] [url=http://buycrestor2015.top/]crestor[/url] [url=http://buycipro4.us/]cipro[/url] [url=http://vardenafil9.top/]vardenafil[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd896331 [url=http://effexorxr.us.com/]buy effexor[/url] [url=http://ventolin365.us.com/]athsma inhalers[/url] [url=http://tadacip365.us.com/]Cheap Tadacip[/url]

  • CharlesNef

    wh0cd549028 [url=http://valtrexcheap.us.com/]valtrex cheap[/url]

  • TracyLet

    wh0cd51023 [url=http://viagrageneric.us.org/]Viagra Online[/url]

  • Kennethhah

    wh0cd842702 [url=http://antabuse.us.org/]more about the author[/url]

  • MichaelSwemn

    wh0cd690332 [url=http://sildenafilnorx.us.com/]sildenafil no rx[/url] [url=http://prozacnorx.us.com/]prozac no rx[/url]

  • BennyMeefe

    wh0cd165093 [url=http://toprol.top/]toprol[/url]

  • EugeneBot

    wh0cd36085 [url=http://viagrageneric.us.org/]viagra generic[/url] [url=http://sildenafilnorx.us.com/]Sildenafil Best Price[/url] [url=http://prozacnorx.us.com/]Prozac Over The Counter[/url]

INVIA IL TUO COMMENTO

 

Prima di pubblicare un commento, assicurati che sia pertinente alla discussione in corso, non abbia contenuto offensivo, calunnioso, diffamante, razzista, sessista e non violi le leggi italiane. La redazione si riserva il diritto di cancellare commenti non consoni con controlli a campione.