Pearson

Imparare sempre

Lezione con la LIM - Archivio Pearson

ricerche /

LIM, ecco la prima pagella

10 settembre 2012

La lavagna interattiva multimediale è promossa a pieni voti. In questo terzo approfondimento sui risultati  della prima indagine sull’utilizzo della LIM, realizzata da Gfk-Eurisko per Pearson Italia, vediamo quali sono i pochi difetti e molti pregi che emergono dai pareri dei professori. A partire dalla versatilità dello strumento: secondo il parere degli oltre trecento docenti intervistati dai ricercatori, la comodità di poter utilizzare linguaggi visivi, sonori e concettuali fanno della LIM un supporto unico.

Soprattutto nelle materie scientifiche, i docenti hanno apprezzato la possibilità di semplificare i concetti. Le lezioni sono più ricche ed è più facile mantenere alta la concentrazione degli alunni attraverso animazioni e approfondimenti interattivi. Il confronto con qualcosa di “vivo” e tecnologico, più vicino al loro mondo, aumenta la partecipazione dei ragazzi. Cattura la loro attenzione e li spinge al dibattito, sia tra di loro che con gli insegnanti. Con uno strumento del genere il docente si pone sullo stesso piano degli studenti; anzi, li porta su un terreno a loro conosciuto che li sprona e li coinvolge.

Appena sotto la media dell’8 altre due voci molto importanti: la LIM va incontro alle esigenze dei ragazzi affetti da problemi come dislessia, disortografia e discalculia e consente un maggiore coinvolgimento dei ragazzi stranieri. Anche in questo caso la potenza delle immagini e delle animazioni, ma anche degli aspetti sonori e ipertestuali, rende più efficace l’apprendimento.

Ma la LIM deve ancora migliorare qualcosa, a partire dalla semplicità di impiego e dalla manutenzione. Spesso non ci sono corsi di formazione adeguati e uno strumento così ricco non viene utilizzato al massimo delle sue potenzialità. Nel caso di ragazzi problematici, soprattutto con problemi di condotta, la LIM è fonte più di distrazione che di apprendimento. Tutte osservazioni che hanno comunque avuto una media-voto superiore al sei e mezzo: nessuna insufficienza ha macchiato una pagella così promettente per il futuro.

Per leggere gli approfondimenti precedenti cliccare qui: